Ciclofficina delle idee, Piemonte

#AlpinismoMolotov al corteo #NoTav. Un récit de descente

Oggi i bikepartisans vanno a piedi! Segnaliamo con piacere il primo récit di Alpinismo Molotov con la partecipazione di #2RR.
Un post collettivo, che permette di raccontare la recente manifestazione No Tav con una molteplicità di punti di vista, ahinoi, inedita per Torino.


Il 21 febbraio scorso, alla manifestazione No Tav di Torino, c’era una nutrita delegazione di alpinisti molotov. Alcuni di loro (2 ruote di resistenza, Alberto Di Monte, Corrado Gioannini, Filippo SottileLuigi Suppo, Roberto Gastaldo, Simone Scaffidi Lallaro) hanno scritto le loro sensazioni e i loro ricordi. Ne è venuto fuori questo anomalo récit d’ascension, anzi de descente. Le foto sono di Luca Perino.

 

Partenza: piazza Statuto, Torino, 255 mslm
Arrivo: piazza Castello, Torino, 252 mslm
Distanza: 1,4 km
Dislivello: – 3 metri
Tempo di percorrenza: 2 ore circa…


Continua su: http://www.alpinismomolotov.org/wordpress/?p=361

Standard
#2RR su Italia che Cambia, Ciclofficina delle idee, Piemonte, Toscana

2 Ruote di Resistenza, continua il viaggio alla ricerca del popolo che manca

Vi presentiamo i pezzi inediti che #2RR pubblica su http://www.italiachecambia.org


 

Come una staffetta che si rispetti, Italia che Cambia ha passato il testimone a #2RR. La consegna è avvenuta a Monteriggioni, provincia di Siena, nella creativa cornice del Festival della Viandanza, dove il camper, a conclusione del suo tour, ha incontrato due biciclette in viaggio dal 7 giugno  lungo l’Italia, ai cui pedali ci siamo noi, Daniele Contardo e Nica Mammì: un musicista-cantastorie e una giornalista-storica rigorosamente precari…


Continua su: http://www.italiachecambia.org/2014/06/2-ruote-di-resistenza-continua-viaggio/

Standard
Toscana, Viaggio 2014

20-22 giugno: Monteriggioni, Viandanza e cambiamento

La strada che porta dalle Balze di Volterra a Monteriggioni è da manuale. Meno di 50 Km da percorrere, tutta saliscendi, ma senza esagerare con le pendenze, abbastanza larga e comoda da poter essere percorsa a pedali senza preoccuparsi eccessivamente del traffico, ma con un traffico sempre più intenso man mano che passano le ore. Il passaggio dalla Val di Cecina al senese vede ben pochi centri abitati prima di arrivare alla mitica San Gimignano. Si vedono soprattutto fattorie e borghi, borghi ristrutturati, ristrutturati a caro prezzo e che ora offrono le loro attrattive in più lingue, segno che non è al turismo nostrano che aspirano. Siamo ormai entrati nella Toscana dorata, quella che non vede di buon occhio viaggiatori palesemente “poveri” come i sottoscritti. Infatti, a conferma di ciò i primi individui che incontriamo appena usciti dall’agriturismo sono due inglesi: fermi sul ciglio della strada, sotto il sole cocente, alle prese con la catena impigliata, veniamo raggiunti da una coppia in furgone che, senza tante parole, tira fuori i suoi attrezzi e ci aiuta a disincastrare la catena troppo spesso ballerina. Ci raccontano di aver preso casa vicino Volterra e si godono un paesaggio a tratti quasi irreale per sei mesi all’anno. I colori sono pastello, sintomo di una terra fresca, non ancora bruciata dal sole d’estate, mentre nuvole e fulmini lontani vivacizzano la pedalata. I problemi iniziano poco prima di San Gimignano: la pioggia ha reso la strada viscida e gli automobilisti intorno più imprudenti, prima di Campiglia c’è una serie di ripidi tornanti che fanno pensare a Bra e Pollenzo e più di un volpone automunito tenta di violare la legge dell’impenetrabilità dei corpi pretendendo di sorpassare, in curva e in discesa, un maestoso bus!

Continua a leggere

Standard